Home
arcigaymodena
ATTIVITA GIUGNO PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Bignardi   
Lunedì 15 Giugno 2015 21:02
VI ATTENDIAMO AI NOSTRI EVENTI:



- DOMANI Martedi 16 Giugno h 19.30 ci sarà a Lesignana una corsa non competitiva CONTRO L'OMOFOBIA,alla quale vi invitiamo a partecipare per dare una misura della nostra presenza anche in contesti non orientati.
L'organizzatrice di questo evento ci ha mandato una presentazione che trovate allegata.
Sarà possibile anche avere la maglietta appositamente creata per l'occasione.
Per iscrivervi scrivete pure  ad Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

http://www.lesyinfesta.it/wp-content/uploads/2015/05/LesyinCorsa2015.pdf


- SABATO 20/06 #WIB #KYI (Ex Paul) : compleanno WIB

il nostro GROSSO e GRASSO COMPLEANNO GIPSY
Happy B-Day SILENA & ANNA!

21.00 "PIZZA" + bere compr. 12€

23.00 ingresso 2€ IN LISTA (4€ NON in lista)
LISTA ARCIGAY* 3245820441

*Usando la lista Arcigay sostieni la lotta all'HIV. Anche con questi fondi acquistiamo preservativi e dentaldam.

SARETE IL NOSTRO REGALO ....quindi vietato mancare! All'ingresso un CHUPITO OMAGGIO a tutti quelli che avranno il coraggio di vestirsi a tema!

00.00 Si festeggia!!!! Torta e tanti auguri a noi!!!

DJ SET - VOICE - GIPSY DANCERS
LISTA ARCIGAY 3245820441



https://www.facebook.com/events/835815253133030/


- CENTRO AMERICA , 23 GIUGNO H 21


In America Centrale, le persone con identità di genere o opzioni sessuali diverse dalla maggioranza eterosessuale, vivono quotidianamente discriminazione e aggressioni, che arrivano anche all’uccisione.

Al contempo, proprio le associazioni rappresentative della diversità sessuale posseggono in Centroamerica una grande capacità di auto-difesa e di proposta.

Si presenterà questa situazione con due testimoni d’eccezione:

- Norman Gutiérrez, nicaraguense e direttore del CEPRESI,

- Carlos Valdéz, guatemalteco, responsabile della Asociación Lambda.

L’iniziativa è organizzata da: ARCIGAY MODENA in collaborazione con Terra Nuova, RE.TE. e ARCIGAY (e Amnesty International-sezione Italia laddove sia presente), nell’ambito dell’azione “Centroamérica diferente: derechos LGBTI, derechos para todos y todas”. L’ incontro si terrà a Modena presso la sede di via 4 novembre 40/a il giorno 23 GIUGNO 2015 alle ore 21.

L’iniziativa si rivolge ad un pubblico ampio, nella convinzione che i diritti umani sono connaturati ad ogni persona: l’ampliamento dei diritti ed opportunità per le persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, trans, travestiti, intersessuali e queer) nulla toglie alle persone eterosessuali ed anzi ne rafforza le possibilità di esercizio e tutela di diritti.

 




-Bologna Pride 27 giugno : http://www.bolognapride.it/

MODENA PARTIRA' IN TRENO CON RITROVO IN STAZIONE A MODENA ALLE 13.30 E PARTENZA CON IL TRENO DELLE 14.01.
SARA' POSSIBILE ACQUISTARE LA MAGLIETTA UFFICIALE DEL PRIDE DI BOLOGNA

ECCO IL VIDEO DELLA CORTELLESI A SOSTEGNO DEL PRIDE: https://youtu.be/EgYrvlx2P0Y

il Bologna Pride fa parte di ONDA PRIDE, le 14 manifestazioni dell’orgoglio #LGBTQI che costituiranno la grande mobilitazione nazionale che rivendica diritti e uguaglianza per le tutte le persone, senza discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Il Bologna Pride 2015 è organizzato da una rete di associazioni bolognesi formatasi alla fine del 2014. Aderiscono a questa rete: Agedo Bologna, Arcigay Cassero LGBT centerArcilesbica BolognaBogasport Bologna, Bugs Bologna, Famiglie ArcobalenoIndie Pride – Indipendenti contro l’omofobia, KOMOS – Coro Gay di BolognaMigraBO’ LGBT, @Mit – Movimento Mit Movimento Identità Transessuale, Associazione Orlando,PLUS onlus – Rete di persone LGBT sieropositive, Circolo UAAR Bologna,Uni LGBTQ.

con il patrocinio del Comune di Bologna

14.30 – Concentramento presso il Parco del Cavaticcio
::: desk delle associazioni, dj set & entertainment

16.30 – Partenza del corteo del Bologna Pride 2015

18.30 – Arrivo del corteo in Piazza del Nettuno
::: interventi politici dal palco e live show.

21.00 – Paola Turci live
::: concerto finale presso il Parco del Cavaticcio

23.30 – Official Party Pride al Parco Nord – Bologna
::: stay tuned ::::


Siete tutti invitati a questi eventi per una città piu gentile e piu aperta.

per tutte le info:
www.arcigaymodena.org


Sono ovviamente attive tutte le attività ormai rodate:
+Serate Agedo : per supporto e confronto tra Genitori  (1° e 3° Lunedi sera al mese)

+Gruppo giovani : per under 28 (e solamente under 28), alla domenica pomeriggio
+Gruppo Senior : il terzo lunedì del mese   [un progetto nato a Modena che sta prendendo piede a livello nazionale, di cui siamo molto orgogliosi]

+Apertura sede: tutti i  Lunedì sera!  (per tutte le altre età! )
+Gruppo Scuola: è iniziato un corso di formazione per volontari! se vuoi partecipare scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

+ Disco: Tutti i martedi (con Minerva o Madame Yoyo) ed i Venerdi con i MagaYzzini Generali di Milano


5x1000

ti scrivo inoltre per ricordarti anche quest'anno di scegliere a chi devolvere il tuo 5x1000 quando farai la dichiarazione dei redditi.

Io ho scelto di destinarlo ad ARCIGAY che investe i soldi raccolti dal 5x1000 per realizzare importanti campagne nazionali contro l'omofobia e la transfobia, sostenere legalmente alcune persone vittime di violenze omofobiche e di bullismo ecc. 
Se anche tu condividi questo progetto scegli di destinare il tuo 5x1000 ad 

ARCIGAY, CF. 92017780377

Ricordati di scegliere, non lasciare che siano altri a scegliere per te.

 


il Presidente
Dr. Alberto Bignardi






Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Giugno 2015 21:18
 
L’ omofobia del NCD parte II° PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Bignardi   
Mercoledì 24 Giugno 2015 12:53

Modena, 23/06/2015


Oggi, ancora una volta, un preciso gruppo di persone, affiliate ad una forza politica locale, ha sputato simbolicamente in faccia alla dignità dei cittadini che millanta di voler rappresentare.


In che modo? Tramite l'affissione sul territorio cittadino e presso gli appositi spazi comunali, adibiti a tale scopo, dell'ennesimo manifesto in cui si paragona l’omogenitorialità e persino l’eterogenitorialità rese possibili dalla pratica della MATERNITA' PER ALTRI  ad una compravendita di bambini, e si propaganda il rigetto e la discriminazione non solo verso tale pratica ma verso qualsiasi tipo di unione affettiva e civile fra persone dello stesso sesso. Lo fa attribuendo al DDL Cirinnà la precisa volontà di rendere possibile tale compravendita, piuttosto che tentare di ridurre il divario, umanamente e giuridicamente inaccettabile, fra i diritti di una maggioranza e quello di una minoranza dei cittadini, trattati come una “serie B”, e da tali manifesti vituperati come pericolosi criminali, invece che come persone desiderose di difendere la famiglia che hanno già o appellarsi al desiderio ma soprattutto al diritto di averne una.


Quindi, uno sputo in faccia ad una minoranza di cittadini, gli omosessuali, ma non di tutta la cittadinanza? Sbagliato.


Lo è nei confronti della Carta d’Intenti della RE.A.DY, la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, sottoscritta dall’attuale Amministrazione del Comune di Modena, in particolare l’impegno a concretizzare “azioni volte a promuovere l'identità, la dignità e i diritti delle persone lgbt e a riconoscere le loro scelte individuali e affettive, nei diversi ambiti della vita familiare, sociale, culturale, lavorativa e della salute”, e ad assumere un ruolo concreto in quanto “interlocutore attivo per l’affermazione dei diritti di piena cittadinanza delle persone lgbt e per il superamento delle discriminazioni”.


Lo è nei confronti della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, che afferma che “È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l'appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali.”


Lo è verso il diritto di ogni individuo a non essere discriminato in base a religione, etnia, razza o sesso, sancito dalla Dichiarazione per i Diritti Umani, redatto dalle Nazioni Unite nel 1948, dopo l'orrore nazi-fascista, che ha visto fra le sue vittime oltre ad ebrei e altri gruppi anche gli omosessuali.


Ed è triste constatare come ancora nel 2015 si sputi in faccia a chi non voleva e non vuole il ripetersi di quell'orrore. Un manifesto del genere per altre minoranze, ora tutelate, come gli ebrei, sarebbe impensabile. Non per noi, non ora, non ancora.


Ora basta. Chiediamo a tutte le forze politiche di schierarsi a favore di una Modena libera dalla discriminazione e che guardi al rispetto di tutte e tutti i cittadini, che non permetta più sputi in faccia a loro e alla loro umanità, qualsiasi sia il loro orientamento sessuale o identità di genere.

Chiediamo all'amministrazione di far valere la propria adesione alla Rete RE.A.DY e far rimuovere i cartelli in questione. E chiediamo a tutte e tutti i cittadini che credono nei valori sopra riportati e che quindi sono stati colpiti da questo sputo di pulirsi la faccia, assieme a noi, e dire basta. Ora basta.

Alberto Bignardi e Francesco Donini

Presidente e Vicepresidente Arcigay Modena “Matthew Shepard”

 
L’ omofobia del NCD PDF Stampa E-mail
Scritto da L.C.   
Lunedì 01 Giugno 2015 07:44

Pubblichiamo questa intervisita:


Dopo la campagna contro l ‘omofobia del comune di Modena, il NCD si scaglia contro le famiglie omosessuali provocando la reazione di cittadini e artisti sconcertati da tanto odio.


Dopo la campagna contro l’omofobia del comune di Modena “Siamo tutti uguali diversi” NCD lancia una campagna omofoba tappezzando la città di cartelloni contro le famiglie omosessuali, il matrimonio e l’adozione, agitando lo spauracchio della gestazione per altri che agli occhi del NCD diventa “ vendita di bambini”.

Molti cittadini sentitesi offesi da un tale messaggio d’ odio hanno ridicolizzato i cartelloni tramite i social e hanno cancellato le frasi omofobe. Abbiamo intervistato il presidente di Arcigay Modena, Alberto Bignardi

Cosa ne pensa dell’ iniziativa del NCD ? “Sicuramente l’ iniziativa è una risposta epidermica al fatto che la città si stia muovendo verso una direzione più gentile e umana . è un peccato vedere come Giovanardi (Sen. NCD) pensi che una società migliore sia quella aggressiva verso una parte della popolazione.”

Si aspettava una tale reazione di sostegno alle coppie omosessuali da parte dei suoi concittadini? “Onestamente non me lo aspettavo, penso che in realtà la novità che da la misura della cittadinanza è il fatto che buona parte dei cittadini si sono mossi a strappare quei manifesti, a modificarli e a farci ironia. Mi sarei aspettato dal sindaco la rimozione dei manifesti perché sono evidentemente discriminatori ma questo non è avvenuto e dimostra come la comunità civile sia più avanti della parte politica. Ci sono state madri che hanno strappato i cartelloni perché non vogliono che i loro figli crescano in una società discriminatoria. Abbiamo inoltre ricevuto il sostegno di varie associazioni dall Arci, all’Unione delle donne italiane passando per la rete degli studenti.”

Come pensate di contrastare, come associazione, questi rigurgiti omofobi?

“Come associazione richiederemo la rimozione dei manifesti, tuttavia siamo molto felici che tutte le forze politiche abbiano contestato la campagna del NCD .”

I diritti civili degli omosessuali in Italia rimangono fortemente ostracizzati, tuttavia le associazioni cittadine riescono grazie alla loro presenza sul territorio a risvegliare le coscienze delle persone e le comunità si sollevano contro la discriminazione.

 

L.C.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Giugno 2015 07:44
 
«InizioPrec.12Succ.Fine»

Pagina 1 di 2
 

Da non perdere:

<<  Luglio 2015  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  4  5
  6  7  8  9101112
131415161819
20212223242526
2728293031  

Login



Chi è online

 7 visitatori online